Cyberbullismo

Cyberbullismo

Alcune settimane fa, su un altro portale sono stata vittima di cyberbullismo, cosa che per me purtroppo non è nuova. Non è nuova come parola, ma non è nuova nemmeno come situazione. In passato, infatti mi era già capitata una situazione analoga che mi ha costretto ad uscire da un sito. Ma da quella brutta esperienza ho scoperto il mondo della fotografia ❤ . Questa volta invece ero moderatrice, e grazie ad un gruppo di persone me ne sono uscita a gambe levate. Stavo passando un bruttissimo periodo dove mio figlio stava molto male e non ho retto ulteriori dispiaceri. Da lì, ho notato che ci sono diverse persone che gioiscono nel continuare a tormentare gli altri, provano piacere a punzecchiare anche se gli altri vanno abbondantemente per la loro strada. Godono nell’insultare e nel prendere abbondantemente per il culo (passatemi il termine, perchè rende meglio l’idea) la vittima designata, cercando disperatamente di provocare nell’altro una reazione e la vogliono a tutti i costi, costi quel che costi..Ma io sono una persona discreta e piuttosto che dare spettacolo me ne sono andata. Ma se la persona non reagisce cosa si inventano di nuovo e di entusiasmante?

  • Dovete sapere, ma forse lo sapete già che questi tipi di persone non agiscono così tanto per fare…tanto per dire o perchè quel giorno si sono svegliati con la luna di traverso, e gli altri giorni no! Generalmente pensano che prendendo per il culo…. l’altro possa abbattersi, possa mettersi a piangere o si metta a litigare inscenando così uno spettacolo a dir poco pietoso per tutti coloro che passano a guardare il determinato profilo o profili delle persone coinvolte. Ma perchè reagire, se è quello che vogliono, se è quello a cui ambiscono?
  • Una persona che usa per esempio Facebook per attaccare o un qualsiasi altro portale cosa cerca di fare? Sicuramente sta cercando di compromettere la vostra popolarità per aumentare la propria. Cerca di farvi passare come un povero sfigato per apparire il leader del momento.
  • I bulli o cyberbulli spesso considerano qualsiasi vostra reazione come un incoraggiamento a continuare nella loro bella opera di demolizione. Il modo più semplice per far fronte a questa situazione è quello di lasciare che questa cosa degeneri a loro favore e non al vostro. Tanto se uno è cattivo prima o poi viene fuori la sua vera natura….se racconta frottole prima o poi si scoprirà tutta la verità…in qualsiasi caso, voi mettetevi tranquilli e beati e aspettate. Non fate altro, non ne vale la pena perdere tempo e fatica con questi soggetti…prima o poi tutti i nodi vengono al pettine.

Comunque ritornando al discorso di prima, questa volta ho preso una decisione. Posso allegramente dire che quella è stata davvero l’ultima volta. A me le bulle non piacciono, voglio ignorarle e allontanarle dalla mia vita. Inoltre sono persone tremendamente monotone…fanno sempre gli stessi errori.. Per cui come torno a ripetere, se dovesse succedermi un altro episodio simile, sparisco dal web per un paio di anni. Chiudo tutto quello che mi rintraccia sul web come persona fisica. Passati i due anni mi creo una nuova identità. Basta il mio vero nome e cognome. Nome e cognome solo di fantasia. Voglio vedere poi dove mi vengono a trovare, o cosa si devono inventare per far passare la loro squallida vita.

33 risposte a "Cyberbullismo"

Add yours

  1. Fortunatamente non ho mai provato sulla mia pelle in esperienza così, non ho social, ma credo che le persone che insultino gli altri abbiano dei seri problemi di autostima! Inoltre penso che bisognerebbe dare multe salate e risalendo agli indirizzi ip! Credo passerebbe la fantasia a tanti di schiacciare i tasti tanto per farlo!

    Piace a 1 persona

    1. Ti puoi reputare davvero fortunata se non sei mai stata vittima di personaggi del genere. Io purtroppo sono anni che sul web sono attaccata, eppure sono una persona educata e tranquilla. La mia unica colpa è quella di non fare quello che vuole certa gente, e per questo sono antipatica.

      Piace a 1 persona

  2. Sembra incredibile che , con tutto quello che il”vivere” comporta , ci siano individui che trovano il tempo e le energie per scaricare le loro fragilità in dannosi attacchi ad altra gente…….
    Credo sia catalogabile come malattia , una tendenza di questo tipo …..

    Piace a 1 persona

    1. Pare incredibile eppure succede. Come dici giustamente tu la vita già ha le sue difficoltà, eppure c’ è chi non guarda le grane di casa propria, ma cerca disperatamente di fare stare male chi non centra nulla. Forse sarebbe meglio che se la prendessero con chi se la devono prendere.

      Piace a 1 persona

    1. Io purtroppo sono anni che ho a che fare con questo fenomeno. Diciamo che nel corso degli anni ha preso forme diverse comunque ti posso assicurare che non è mai stato un vivere tranquillo e sereno il mio.

      Mi piace

  3. Io ho subito per anni, da ragazzo, il bullismo diretto (quindi ne so qualcosa…), per via della mia timidezza di allora. Grazie a Dio da adulto, vedendo la persona che sono diventato, molti mi hanno chiesto scusa. Ancora qualcuno, lo fa. Ho vinto, ma ci ho lavorato. Ciao.

    Marghian

    Mi piace

    1. Mi dispiace Marghian che tu ne sia stato vittima e immagino il lavoro che hai dovuto fare. Purtroppo ora, siamo nell’era dove tutto si fa col pc e certe forme di violenza che una volta si facevano faccia a faccia ora si fanno in rete. Comunque anche se non bello quello che hai vissuto, io lo preferisco. Almeno lì vedevi con chi avevi a che fare. Qui sul web con chi è che hai a che fare?

      Mi piace

  4. Non devi dare retta a questa gente. Anni fa un mio compagno di classe fu preso di mira da altri compagni solo perchè era figlio di operai. Lo hanno spesso umiliato, ma lui ha sempre fatto finta di niente. Non ha mai voluto denunciare nulla. Ha tenuto duro. Ebbene, oggi lo invidio. Ha fatto una carriera che io ho sempre sognato. Degli altri, quelli che lo bullizzavano, alcuni sono finiti 3 metri sotto terra, altri entrano ed escono dal carcere. Alla fine chi ha vinto secondo te?
    A me è capitato quando avevo il blog su blogger. Un giorno un invidioso ha cominciato a scrivere su g+ che io ero uno spammer.
    Se ti è capitato di vedere il mio blog, non facevo ne più ne meno quello che faccio su wordpress.
    Secondo te io sono uno spammer?
    Lui con il suo di blog non faceva altro che pubblicizzare la sua attività commerciale.
    Pensaci. Chi dei due è nel torto?
    Io che non ho interessi economici ma scrivo della mia esperienza da turista o lui che in maniera fraudolenta cerca di farsi pubblicità gratis?
    Continua con il tuo blog e non perderti d’animo.
    Resisti e non dare retta a certa gente. Semmai avvisa la polizia postale. Se lo riescono a prendere è meglio per tutti. Ciao

    Piace a 2 people

    1. Ho letto con piacere tutto quello che hai scritto, ma io sinceramente sono arrivata ad un punto tale da mettere in atto quanto ho detto nel post. Sai quanti siti, blog ho dovuto cancellare per questi tipi di persone? Sai quanti anni che sto lottando contro questi tipi di personaggi? E’ dal 2007, e ora mi sono davvero stancata. Non è possibile che io non riesca a vivere in pace. Sì, magari riesco a stare in pace per un tot di mesi, ma poi quando tutto sembra sedato, ecco che si ricomincia. No, basta non fa più per me. Quella è stata davvero l’ ultima volta. Fino ad ora hanno condotto loro il gioco. Da ora in poi lo conduco io. Sparisco e poi cambio identità. Voglio bene vedere poi cosa si inventeranno di bello per rompermi le scatole.
      Grazie del tuo commento

      Mi piace

      1. Non ti perdere d’animo. Tu sei meglio di questi imbecilli. Prima o poi vedrai i loro corpi inermi galleggiare sul fiume. (È una metafora cinese o giapponese, non ricordo). A presto

        Mi piace

  5. Ciao Paola. Si’, ne sono stato vittima, alle elementari e alle medie, poi dopo qualche anno, tutto finito. La timidezza e’ una gran brutta cosa. .Si’, li vedevo in faccia tutti i giorni. Poi col tempo ho imparato a rispondere a tono, ma soprattutto ad ignorare. L’arma “vincente” e’ stato lavorare sul mio modo di pormi, al punto che col tempo li ho diciamo..”disarmati”. Ciao 🙂

    Piace a 1 persona

  6. Cara Paola, innanzitutto mi dispiace davvero per tutto quanto. Io navigo in Internet da ormai 17 anni, faccio siti Web dallo stesso tempo e in tutto questo periodo ho assistito a moltissimi cambiamenti, ma è da qualche anno, con la diffusione dei (a)social network che il fenomeno ha assunto pieghe davvero preoccupanti.

    Non che prima i rompiscatole non ci fossero eh, ci sono sempre stati e sempre ci saranno, ma quando Internet era “di nicchia” e poche persone potevano permetterselo, chi faceva lo stupido veniva immediatamente zittito e cacciato fuori da tutti gli altri.

    Beh, mi piacerebbe che tutto ciò ritornasse anche oggi, visto che questa pratica si è persa col tempo.

    Un forte abbraccio.

    Mi piace

    1. Ma sai cosa mi ha convinta a sparire e rientrare con una nuova identità se dovesse risuccede? Con quelle persone che mi hanno bullizzata, ci siamo scritte in pvt mandandoci cuoricini…Senza essere successo nulla in mezzo me le sono trovate contro, così ho capito chi c’ era dietro a tirare i fili…Ecco perchè mi sono davvero scocciata. Spero di non doverla prendere come decisione, ma poi non torno indietro.

      Piace a 1 persona

  7. Ciao Paola 🙂 Storia vecchia eppure sempre nuova, perché nell’andare del tempo questi personaggi, che sono sempre esistiti (c’era anche questo tra i motivi per cui lascia un forum più di dieci anni fa ormai), si sono “evoluti” diventando una figura ufficialmente riconosciuti: gli haters, gli “odiatori”. Oggi molti di loro non lo fanno più spinti dai motivi che scrivi, ma dalla sola ragione di apparire come “haters” migliore degli altri: una squallida competizione a danno dei colpiti, dei quali, di solito, non gli importa proprio nulla e spesso non li conoscono nemmeno sul serio.
    Perfino sulla pagina facebook del paese dove abito ce n’è un gruppetto che insulta e deride chiunque sciva qualcosa, dandosi sostegno a vicenda. Il “bello” (si fa per dire) è che chi dovrebbe vigilare, ovvero i moderatori del gruppo, di solito lascia fare perché… aumentano l’audience, salvo poi buttare fuori chi magari non rispetta una regoletta stupida e innocua per dimostrare che “esistono”.
    Infatti su facebook non pubblico mai o quasi, giusto se devo dare o chiedere informazioni.
    Il blog è più facile: è tuo. Poi sempre cancellare chi pubblica messaggi indesiderati.
    … chissà, forse è anche per questo che i blog stanno sparendo: in fondo a questa stupida umanità le cose basse e grette non dispiacciono.
    http://www.wolfghost.com

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: